Chi è lo psicologo-psicoterapeuta

Innumerevoli volte nel corso degli anni mi è capitato di sentirmi dire: “Sai, sono anch’io un po’ psicologo. Le mie clienti parlano molto con me: io le ascolto, do loro dei consigli e si sentono meglio” oppure “Ah, sei una psicologa?! Allora devo stare attento perché mi leggi nella mente” o ancora “Io da uno psicologo non ci andrò mai! Non sono mica pazzo!”. Tutto questo è un risultato di fantasie, falsi miti, stereotipi e pregiudizi derivanti dall’alone di mistero che avvolge la figura dello psicologo e dall’approssimazione rispetto al suo ruolo ed alle sue competenze. Troppo spesso, infatti, la figura dello psicologo-psicoterapeuta viene confusa con altre figure professionali con l’inevitabile conseguenza di finire per rivolgersi al professionista sbagliato peggiorando la propria situazione o, nella migliore delle ipotesi, giungendo ad un nulla di fatto.

Facciamo un po’ di chiarezza.

Lo psicologo è un laureato in psicologia che, a seguito del tirocinio professionalizzante post-laurea e dell’abilitazione mediante l’Esame di Stato, si è iscritto all’Albo A dell’Ordine degli Psicologi. Il possesso della sola laurea in psicologia, infatti, non permette di esercitare la professione. All’interno della legge 18 Febbraio 1989 n. 56, relativa all’Ordinamento della professione di Psicologo, è riportata una descrizione dettagliata di ciò che è di competenza di questa figura professionale:

“La professione di psicologo comprende l’uso degli strumenti conoscitivi e di intervento per la prevenzione, la diagnosi, le attività di abilitazione-riabilitazione e di sostegno in ambito psicologico rivolte alla persona, al gruppo, agli organismi sociali e alle comunità. Comprende altresì le attività di sperimentazione, ricerca e didattica in tale ambito.”

A differenza dello psichiatra (che è un medico), lo psicologo non prescrive farmaci, non “cura” ma “si prende cura” del paziente, motivo per cui, oltre ad occuparsi di “problemi psicologici, disagio, psicopatologia”, si occupa anche di benessere psicologico, miglioramento della qualità della vita e crescita personale.

Lo psicoterapeuta è uno Psicologo o un Medico (di solito uno Psichiatra) iscritto al proprio ordine professionale, che ha conseguito il diploma in psicoterapia a seguito della frequenza di un corso di specializzazione post-laurea almeno quadriennale presso l’Università o una scuola di specializzazione privata riconosciuta dal MIUR (Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca).
La specializzazione quadriennale ha lo scopo di permettere allo psicologo di apprendere strumenti e tecniche terapeutiche (solo accennate a livello teorico durante il percorso universitario), necessarie a fornire un adeguato supporto al paziente con qualsiasi tipo di problematica psicologica e relazionale, dal periodo di blocco/crisi personale alla comparsa di sintomatologie più gravi e invalidanti (attacchi di panico, dipendenza patologica, disturbi alimentari, etc.). Strumenti primari di intervento nella psicoterapia sono la parola ed il corpo.

È possibile controllare se uno psicologo è abilitato all’esercizio della professione e ha il titolo o meno di psicoterapeuta semplicemente collegandosi all’Ordine degli Psicologi della regione in cui si è registrato (nel mio caso la Regione Puglia) e ricercandolo nell’elenco degli iscritti.

DIFFIDATE DALLE IMITAZIONI!!

Prendetevi cura di voi stessi partendo dalla scelta del professionista più adatto alle vostre esigenze.